Alle persone con funzione di direzione responsabile della sicurezza (DS), capo della sicurezza (CS), guardiano di sicurezza (GS), Autoprotezione Lavori (AP L) e Autoprotezione Spostamento (AP S), nonché ai relativi superiori.
Se non è possibile visualizzare correttamente questo messaggio, per favore clicca qui.
01.12.2021
Gentili signore, egregi signori,
cogliamo l’occasione per informarla in merito agli attuali temi relativi alla sicurezza presso FFS Infrastruttura.
Programma
Controllo della qualità della comunicazione
Introduzione PCT 2020 Digit by Digit
I-50095 – Utilizzo di gru ferroviarie, veicoli e macchinari con prestazioni di sollevamento e di rotazione
Dispositivi di segnalazione luminosa sui macchinari
Novità nella formazione
Prossime tappe
Controllo della qualità della comunicazione
Come annunciato all’inizio dell’anno, è stato avviato un progetto pilota per valutare le conversazioni telefoniche rilevanti per la sicurezza nella gestione del traffico sulla rete delle FFS sotto la direzione del settore Sicurezza di FFS Infrastruttura (I-SQU-SI). In una prima fase, tra febbraio e maggio, abbiamo analizzato secondo il principio di casualità circa novanta conversazioni nelle regioni Centro, Sud ed Est, per apprendere da esempi positivi, ma anche per poter mettere in guardia tempestivamente e in modo mirato qualora si delineassero delle tendenze negative. Qui è disponibile la newsletter «Controllo della qualità della comunicazione 1/2020» di agosto 2020 con i primi risultati intermedi. Seguiranno altre due Newsletter a distanza di quattro mesi, infine decideremo se estendere questo progetto anche all’esercizio regolare. Insieme alle valutazioni degli altri trimestri, entro la fine dell’anno saremo in grado di fornire informazioni più precise sulla qualità delle conversazioni rilevanti per la sicurezza, per poter adottare misure concrete. Nella prossima newsletter «Controllo della qualità della comunicazione», potremo fornire informazioni sull’applicazione delle nuove disposizioni PCT 2020 in relazione alla comunicazione secondo il principio «cifra per cifra» (parola chiave «Digit by Digit»).
Introduzione PCT 2020 Digit by Digit
ITLo scorso 1° luglio 2020, l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha messo in vigore le modifiche alle Prescrizioni sulla circolazione dei treni (PCT 2020). Per evitare confusioni nelle comunicazioni rilevanti per la sicurezza, il comportamento e la disciplina di conversazione sono stati disciplinati in modo chiaro e uniforme. Quindi, nelle comunicazioni telefoniche si applica ora il principio del «Digit by Digit», ossia «cifra per cifra». Nelle comunicazioni rilevanti per la sicurezza non è più consentito comunicare i numeri in modo convenzionale (p. es. «12» deve essere pronunciato «uno-due», non più «dodici»). È stata inoltre definita una tabella di compitazione basata sulla versione internazionale inglese. Come da PCT sono interessati i ruoli e le funzioni seguenti:
Personale di sicurezza sulle aree dei lavori (AP L, CS, Sent, GS, DS)
Capomovimento
Macchinisti/conducenti di veicoli a motore
Personale di manovra
Personale dei treni
Per i singoli collaboratori questo comporta un cambiamento nel comportamento e nelle abitudini. È necessario abbandonare gli schemi familiari relativi al linguaggio e alla comprensione, per assimilare una nuova forma di comunicazione. Con una formazione svolta mediante presentazione PowerPoint orale e l’ausilio di un biglietto da visita stampabile, che riporta la tabella di compitazione e i numeri, FFS Infrastruttura ha messo a disposizione gli strumenti ausiliari adeguati («link Internet»). Dalle prime esperienze è emerso che i capomovimento, così come il personale sull’area dei lavori e i conducenti di veicoli a motore, implementano le nuove regole in maniera rigorosa. In generale, anche e soprattutto per la comunicazione orale, vale quanto segue: eventuali incertezze o presunti fraintendimenti devono essere immediatamente chiariti e, in situazioni speciali, va presa in considerazione la necessità di avere più tempo a disposizione per la trasmissione dei contenuti.
FFS Infrastruttura continuerà a seguire lo sviluppo dell’attuazione e all’occorrenza interverrà con misure correttive, oppure con altri provvedimenti a scopo di sensibilizzazione.
I-50095 – Utilizzo di gru ferroviarie, veicoli e macchinari con prestazioni di sollevamento e di rotazione
A seguito di vari feedback dopo la pubblicazione della V1-0, grazie ad una procedura di consultazione più ampia e alla collaborazione con l’associazione VSBTU, è stata sviluppata una V2-0. Quest’ultima versione è stata pubblicata il 1° agosto 2020 nel sistema dei regolamenti («link Webshop UTP»). Le misure di sicurezza per l’uso di veicoli o macchinari con prestazioni di sollevamento e/o di rotazione sulla rete ferroviaria delle FFS, vengono disciplinate in modo unitario tramite questo regolamento, che integra e precisa le prescrizioni di sicurezza definite nelle disposizioni legali vigenti (Ordinanza sulle gru) e nei documenti SUVA di riferimento. Con la versione 2-0 anche le spese amministrative sono state ridotte al minimo: p. es. è necessario protocollare unicamente la disattivazione straordinaria dei dispositivi di limitazione del movimento, mentre la disattivazione ordinaria è già definita nel Dispo della rispettiva fase di sicurezza e viene archiviata tramite misure corrispondenti.
Dispositivi di segnalazione luminosa sui macchinari
Secondo quanto definito alla cifra 3.6.1 della Direttiva macchine 2006/42/CE (MRL) («link Internet»), sulle macchine devono essere installati dispositivi di segnalazione luminosa adeguati per le condizioni di impiego previste, per garantire la sicurezza e la tutela della salute delle persone. Tali sistemi vanno impiegati ove necessario in correlazione con i sistemi di controllo dei movimenti (MRL, cifra 4.1.2.6) o della sollecitazione (MRL, cifra 4.2.2) e devono essere installati in una posizione chiaramente visibile dall’esterno, perlopiù sulla parte posteriore del macchinario (ad es. escavatore). Di regola, i dispositivi di segnalazione luminosa emanano i colori rosso, arancione e verde. L’impiego di tali dispositivi su aree dei lavori nella zona dei binari entra in conflitto con le Prescrizioni sulla circolazione dei treni PCT R 300.2 (cifra 1.2.1) («link Internet»), che definiscono i colori della segnalazione ottica (rosso per «fermata, pericolo» oppure verde per «via libera»). Le caratteristiche di impiego e i colori emessi da un dispositivo di segnalazione luminosa, possono essere soggetti a interpretazioni errate da parte dei macchinisti che transitano sul binario d’esercizio. L’accensione di una luce rossa può indurli erroneamente ad attivare una frenatura rapida, oppure un segnale verde può essere interpretato come un «via libera» anche se il segnale per treni è disposto su fermata (PCT R 300.2). Allo scopo di prevenire interpretazioni sbagliate o pericolose dei colori emessi dai dispositivi di segnalazione luminosa installati sui macchinari impiegati su aree dei lavori nella zona dei binari, è indispensabile coprire o spegnere quelli visibili ai macchinisti, i quali possono quindi causare un’interpretazione erronea. Se necessario, prima di impiegare i macchinari occorre adottare misure aggiuntive, finalizzate allo scopo previsto dal dispositivo di segnalazione luminosa schermato.
Novità nella formazione
Corso di base «Direzione responsabile della sicurezza»

Dal 2021, la struttura della formazione del corso di base «Direzione responsabile della sicurezza» sarà modificata. Il ciclo di formazione sarà ampliato con un ulteriore modulo (della durata di 1 giorno), in cui verranno affrontati approfonditamente i temi «dispositivo di sicurezza» e «valutazione dei rischi»; in questo modulo verranno trattati anche altri strumenti ausiliari per la pianificazione dei provvedimenti. Finora, l’uso di tali strumenti ausiliari veniva elaborato principalmente con lo studio individuale. Attraverso l’integrazione di questi temi nell’insegnamento con presenza in aula, in futuro sarà possibile gestire meglio le esigenze e le domande dei partecipanti. Con questo adeguamento si creerà più spazio in altri moduli, per poter gestire in maniera più dettagliata anche temi come p. es. l’istruzione sul Dispo. I corsi iniziati nel 2020 saranno conclusi in base al formato attuale. I corsi che inizieranno nel 2021 saranno svolti con il nuovo formato.

Corso di base «Capo della sicurezza»

Abbiamo approfittato del periodo di sospensione delle lezioni in seguito al COVID-19 per rielaborare il corso di base «Capo della sicurezza». Per introdurre i candidati alle checklist Lavori in modo più realistico, è stato realizzato un nuovo libro di lavoro con degli esempi-modello più pertinenti. È stato inoltre girato un video sul processo di sbarramento, che illustra sotto forma di dialogo l’interazione fra capo della sicurezza e capomovimento.

Nuovo regolamento per gli esami

Il 1° novembre 2020 entrerà in vigore il regolamento per gli esami I-50209 V2-0. L’attuale Regolamento per gli esami V1-0 è disponibile per il download al link seguente («link Internet»).
Prossime tappe
Attualmente sono in corso di redazione o revisione i seguenti regolamenti o documenti normativi:
I-50209 Regolamento per gli esami R RTE 20100 V2-0: sarà in vigore dall’1.11.2020.
I-50169 Disposizioni di sicurezza per lavori in corrispondenza di tratte ETCS Level 2 V11-0: sarà presumibilmente in vigore dall’1.4.2021.
I-10007 Obbligo di indossare i dispositivi di protezione individuale presso Infrastruttura V9-0: sarà presumibilmente in vigore da metà 2021.
Scadenze:
La prossima giornata della sicurezza per fornitori e appaltatori di FFS Infrastruttura si terrà giovedì 28.01.2021 online, in forma abbreviata.
Invio della prossima newsletter sulla sicurezza: maggio/giugno 2021.
Cordiali saluti

I-SQU-SI
Impressum
FFS SA, Infrastruttura
Sicurezza, Qualità, Ambiente

Contatto per la sicurezza sul lavoro e la sicurezza sulle aree dei lavori:
arbeitsstellensicherheit@sbb.ch / ffs.ch/sicurezzaareelavoro

Contatto per «Imparare dagli eventi»:
lae@sbb.ch / ffs.ch/sicurezzaareelavoro > Eventi e insegnamenti da trarre (login con «safety» / «RSQU»)

Contatto per il management della sicurezza, Infrastruttura:
sicherheit.infrastruktur@sbb.ch

Contatti SQU nelle Regioni:
Regione Est: i-squ-rot@sbb.ch / Regione Centro: i-squ-rot@sbb.ch
Regione Ovest: i-squ-rwt@sbb.ch / Regione Sud: i-squ-rsd@sbb.ch

Contatto per FFS Formazione, Amministrazione della formazione:
Bad1.bildung@sbb.ch / ffs.ch/formazioni-ffs